Produttore
Produttore
Produttore
Produttore

Giamberlano

Pavullo nel Frignano - MO

“Sono 50 anni che faccio dolci, ho cominciato quando avevo 14 anni, aiutando mio padre a preparare i suoi biscotti. Capivo che avevo qualcosa da dire nel settore: così sono partito con la pasticceria fresca e le torte”. A parlare è Valter Tagliazucchi, titolare della pasticceria Giamberlano, che nel 1984 rileva a Pavullo, insieme alla moglie Patrizia.

Da lì inizia un’avventura incredibile fatta tanto di estro, quanto di voglia di imparare dai maestri. Studia sui grandi libri, incontra Danilo Freguja e poi altre icone pasticcere come Teresio Busnelli e Achille Zoia, l’artefice della pasta lievitata moderna. Così arrivano le creazioni che lo proiettano sui palcoscenici internazionali, a cominciare dalla “Torta Montecuccoli” (mandorle e cioccolato) dedicata al condottiero pavullese che nel 2002 fece avere a Valter il quinto posto, su duemila partecipanti, al Grand Prix della Pasticceria di Vienna. L’anno dopo, con la “Rosa Nera” (mousse al cioccolato fondente con palet alle nocciole croccanti), conquista il Gran Premio di Barcellona.

Nel 2007 vince la medaglia d’oro al Chocolate – Masters con Passione Rossa (una formidabile torta moderna che combina molti sapori lasciando la voglia di mangiare la fetta seguente), dedicata alle gioie e sofferenze di Enzo Ferrari. Poi, la prova panettone, lo porta a creare lo “Spaziale”, con l’eccezionale uva zibibbo cilena e il “Sandrone”, dove l’impasto al cioccolato si sposa con le ciliegie di Vignola. 

Quest’arte gli fa credere nella possibilità di volare lontano anche da un piccolo paese di montagna, infatti insieme al suo speciale team i panettoni raggiungono mete lontanissime… fino in USA, Giappone e Corea. In Italia diventa uno dei più importanti maestri del lievito madre e membro della Accademia Del Lievito Madre che riunisce i più grandi artigiani esperti nella lavorazione di questo grande elemento.

 Giamberlano
via Rossini, 14/16
41026 Pavullo nel Frignano MO
Tel. 053620200
giamberlano.it/

Vuoi di più?

Iscriviti alla newsletter del Gastronauta